Storia Avis San Michele al Tagliamento

LA STORIA DELLA SEZIONE AVIS DI SAN MICHELE AL TAGLIAMENTO
L’AVIS di San Michele al Tagliamento nasce il 14 settembre del 1966 da un’iniziativa di alcuni soci donatori di sangue che allora aderivano all’AFDS di Latisana i quali decisero di fondare un’associazione comunale che aderisse all’AVIS Nazionale e che riunisse i donatori di sangue locali. Nasce da qui una stretta collaborazione con l’AVIS Provinciale di Venezia, istituita presso l‘Ospedale Civile Umberto I° di Mestre, dove l’allora Presidente Provinciale Luigi Benedetti accolse con piacere tale adesione sommandosi alle altre 24 AVIS comunali già esistenti in provincia (oggi ne conta 42). Il primo Presidente fu Nelso Tracanelli aiutato dal segretario Norino Gobatto raccoglie l’adesione di numerosi donatori raggiungendo in pochi mesi 68 iscritti dei quali 56 attivi, raccogliendo 137 donazioni di sangue in 9 mesi dal atto della sua fondazione. L’Associazione divenne fin dai primi anni della sua fondazione fortemente operativa organizzano da prima le importanti uscite domenicali con l’autoemoteca di Mestre, inaugurando il labaro della neonata sezione a fine 1966 e organizzando l’08.12.1967 la 1° giornata del Donatore che per anni si è svolta a dicembre. L’AVIS di San Michele al T. dà così inizio a un vasto programma di propaganda e sensibilizzazione del messaggio avisino acquisendo nuovi donatori soprattutto fra familiari, amici e i colleghi di lavoro, che inizialmente si servivano oltre che dell’autoemoteca proveniente dal Centro Trasfusionale di Mestre anche dell’ospedale di Latisana per effettuare le donazioni mentre la sede operativa dell’Associazione fu per anni il Bar Italia a San Michele al Tagliamento.
Nei primi anni di vita l’AVIS cambia spesso Presidenza in quanto dopo Nelso Tracanelli venne il turno di Pietro Selvaggi nel 1969, di Bruno Moretto nel 1971, di Remigio Fantin nel 1975 e Luciano Piazza nel 1981 garantendo alle strutture mediche locali e non, un importante afflusso di donatori e quindi di sangue. Nei primi anni, infatti le donazioni di sangue avvenivano oltre che con l’afflusso volontario anche attraverso una importante azione di richiamo da parte delle Associazioni locali in quanto erano i Centri Trasfusionali che chiedevano la disponibilità di donatori con particolari gruppi sanguigni in base alle necessità. È così che per anni i consiglieri dell’AVIS di San Michele al Tagliamento, visti i minori mezzi di comunicazione di cui erano dotati allora, bussavano direttamente alle porte di casa dei donatori pregandoli di recarsi ai Centri Trasfusionali per sopperire alle gravi carenze di sangue (nella foto alcune immagini dei primi donatori).
Nel frattempo non possiamo dimenticare nel 1971 il distacco di una parte del direttivo che portò a formare l’AVIS di Bibione riunendo a se i donatori del mandamento Bibionese sotto la presidenza di Marco Barel. Una separazione dovuta ad alcune divergenze interne fra i consiglieri che portarono alla creazione di una situazione tuttora unica in provincia di Venezia e cioè la contemporanea presenza di due sezioni AVIS indipendenti all’interno dello stesso comune. A nome dell’AVIS di San Michele al Tagliamento, pur non conoscendo le vere motivazioni della scelte passate, esprimiamo il più profondo rammarico di quanto accaduto.
Nel 1984 assume la presidenza Italo Fantin il quale per 14 anni sotto la stretta collaborazione degli infaticabili collaboratori Remigio Rossi, Alceo Angeli aiutati da alcuni amici come Maurizio Blaseotto e Luigino Selva diedero all’associazione una stabilità direttiva che permise ai centri trasfusionali più vicini (dove oltre a Mestre e Latisana, si aggiunse nel 1984 anche l’ospedale di Portogruaro) di raccogliere con continuità alcune centinaia di sacche di sangue ogni anno raccogliendo elogi sia dai centri medici che dai direttivi Provinciali. Fu così che iniziano a consolidarsi numerosi rapporti con le Associazioni locali avisine non solo Venete ma anche del vicino Friuli contribuendo a far nascere importanti amicizie tuttora esistenti. Si affermarono quindi importanti momenti conviviali rappresentati oltre che dalla tradizionale Festa del Donatore, ancora oggi punto cardine di ritrovo, festeggiamento e riconoscenza per i donatori di sangue e simpatizzanti, anche da numerose iniziative di festa legate sia alla necessità di diffondere il messaggio della donazione di sangue sia alla necessità di raccogliere fondi per il sostentamento dell’Associazione. È per tutto questo e per l’immagine e l’anima che ha saputo dare all’AVIS di San Michele al T. che nel 2001, a seguito della sua prematura scomparsa, l’associazione ha voluto dedicare la sezione a Italo Fantin.
Un ulteriore svolta e rilancio alla sezione AVIS di San Michele al T. avvenne nel 1999 quando Italo Fantin cede la presidenza a Cristian Cecchetto tuttora in carica. Una decisione presa assieme ai consiglieri di allora che vollero dare uno slancio e un volto nuovo all’associazione dopo un periodo di relativa stanchezza. Cristian raccoglie un’eredità pesante che però grazie ai suoi nuovi collaboratori Alessia Angeli e Daniele Aggio riesce a sostenere e per certi aspetti a migliorare mantenendo le tradizioni associative costruite negli anni passati e sviluppando con accortezza i progetti che di volta in volta si propone portando l’associazione a raggiungere ad oggi risultati quali – quantitativi in termini di raccolta sangue mai raggiunti prima con ovvi benefici di tutte quelle persone che ogni giorno hanno bisogno di sangue. Ricordiamo in breve i progetti e le idee che hanno portato in questi ultimi anni a raggiungere l’attuale fra cui oltre la già citata intitolazione della sede a Italo Fantin nel 2001, le Corride del 1999 e del 2003 (ideata e coordinata dall’amico Luigino Selva e Luciano Re), la Festa della solidarietà nel 1999, il concorso per la rappresentazione del monumento ai donatori con i Grest nel territorio comunale nel 2004, l’opuscolo informativo personalizzato nel 2005, la costruzione del monumento al donatore e l’Assemblea Provinciale dell’AVIS nel 2006, la costante partecipazione a Natale Insieme, l’acquisto del gazebo informativo nel 2007 e l’inizio di una collaborazione più attiva con le scuole elementari e medie e con la biblioteca comunale nel 2008, ma non và dimenticato che a tutte queste iniziative, l’AVIS opera in modo continuativo il monitoraggio e la valorizzazione dei donatori con i punti di chiamata, l’opera di informatizzazione dell’associazione con la nascita del primo sito internet, l’apertura settimanale della sede, l’utilizzo della posta elettronica oltre al mantenimento delle tradizionali uscite domenicali, della Festa del Donatore e dei rapporti istituzionali con l’AVIS Provinciale e Regionale. Tutte iniziative che sono state possibili attraverso la creazione di un gruppo di consiglieri che operano concretamente e continuativamente per l’associazione mettendo a disposizione buona parte del loro tempo libero.
Durante tutti questi anni la sede sociale dell’AVIS di San Michele al Tagliamento pur restando arroccata al capoluogo comunale è stata più volte trasferita in quanto dopo essere stata per anni ospite del Bar Italia, nel 1981 sposta la sua segreteria e magazzino in alcuni locali all’interno del municipio ma in concomitanza con la ricostruzione dello stesso, viene traslocata prima in una piccola stanzetta sopra al panificio in corso del popolo (2001), poi in 2 stanzette vicino all’edicola (2004) e da alcuni anni (2005) siamo stati, speriamo definitivamente, trasferiti in alcuni locali adiacenti al distretto sanitario in Piazza Galasso ed invitiamo quanti desiderano anche semplicemente salutarci a passare il sabato mattina dalle 10.00 alle 12.00.
Dobbiamo inoltre ricordare alcune testimonianze storiche dell’evoluzione medica alle quali l’AVIS di San Michele al Tagliamento è stata assieme ai suoi donatori testimone fra le quali l’autoemoteca che molti ricordano ancora con simpatia che fece la sua ultima uscita nel 1993 a Cesarolo, mentre dall’anno successivo le uscite domenicali si fecero in strutture fisse locali. Vogliamo infatti ringraziare coloro che gentilmente ci concedono l’uso dei locali ed in particolare l’Oratorio Don Bosco di San Giorgio al Tagliamento, la Scuola Materna “Maria Goretti” di Cesarolo ed il Comune di San Michele al Tagliamento che ci mette a disposizione non solo i locali per l’uscita domenicale in primavera ma anche i locali che ospitano la nostra Sede Associativa. Ricordiamo inoltre i Centri Trasfusionali di riferimento per l’AVIS di San Michele al Tagliamento che sono dal 1966 Latisana e l’SRC di Mestre mentre solo successivamente (1984), si aggregò Portogruaro. Ricordiamo inoltre che fino al 1994 si donavano solo le sacche di sangue, mentre dal 1995 possiamo citare le prime donazioni di plasmaferesi documentate a Portogruaro e dal 2006 le prime donazioni di piastrine a Latisana.
La storia dell’AVIS di San Michele al T. va sempre legata a tutti i donatori, anche quelli che solo una volta nella loro vita hanno donato sangue o emocomponenti, in quanto senza di essi non avremmo ne l’associazione ma soprattutto neanche avuto la possibilità di aver salvato moltissime persone. È per questo che sentiamo la necessità di ringraziare con tutto il cuore i donatori attivi e non ma anche coloro i quali non sono più fra noi ma che hanno contribuito in qualche modo contribuito a far crescere la nostra associazione. Fra tutti vogliamo ricordare i nomi dei soci fondatori che per primi si fecero avanti nel 1966 per dare vita all’AVIS di San Michele al T.: Pavan Mario, Piazza Luciano, Biason Enrico, Biasin Giovanni e Americo, Barel Marco, Piazza Gian Pietro, Bartolini Anzolin Lucilla, Marchetti Egidio, Angeli Alceo, Bandolin Pietro, Casasola Franco, Gobbato Mario, Fontanello Elio, Tollon Giovanni, Marseu Gilberto, Piccotto Remigio, Corradini Mano e successivamente vi aderirono, provenienti a AFDS di Latisana Banzato Nerino, Palmieri Luisa, Neri Remigio, Tolio Livio, Corradin Umberto, Pinzin Eliseo, Moretto Bruno, Selva Bruno, Ravanello Vittorio, Vio Sergio, Parise Iginio, Selva Verginia, Ornella Felicina, Ravanello Gino, Onagro Antonio, Colosso Lionello, Fantin Italo Antonio, Tommasini Cornelio, Ramoscello Giovanni, Selvaggi Pietro, Visentin Giancarlo, Valvason Luigi, Bisioli Bruno, Corradin Valentino, Fantin Giovanni, Chiarot Sergio e Fioravante, Passador Giovanni, De Nuzzo Lindo, Ceretti Ruggero, Fuga Pierino, Bottacin Amedeo, Faggion Armando, Piazza Antonio, Barel Cesare, Casagrande Elsa, Onagro Antonio, Geremia Gino, Pasini Esperia Ed Ermenigilda, Fabbris Angelo, Cerroni Giobatta, Cloza Armando, Romanin Giovanni, Bof Antonia, Storti Giorgio, Santorso Giorgio, Venudo Bruno.
L’AVIS di San Michele al Tagliamento “Italo Fantin” da 44 anni è una Onlus ed è iscritta alle Associazioni Regionali di Volontariato ed opera nel Comune come promotrice del dono del sangue che per Statuto è apartitica, aconfessionale e non ammette alcun tipo di discriminazione.
Di seguito vogliamo riassumere i Presidenti, Vice-Presidenti, Segretari e la dislocazione della sede negli anni dalla sua nascita ad oggi.
ANNO PRESIDENTE VICE PRESIDENTI SEGRETARI SEDE
1966 – 1968 Nelso Tracanelli Giovanni Ungaretti Norino Gobbato Bar Italia
1969 – 1970 Pietro Selvaggi Giovanni Ungaretti Norino Gobbato Bar Italia
1971 – 1972 Bruno Moretto Giovanni Ugo Fantin Giorgio Casasola Bar Italia
1973 – 1974 Bruno Moretto Giorgio Casasola Giovanni Ugo Fantin Bar Italia
1975 – 1977 Remigio Fantin Remigio Rossi Alceo Angeli Bar Italia
1978 – 1980 Remigio Fantin Remigio Rossi Alceo Angeli Bar Italia
1981 – 1983 Luciano Piazza Remigio Rossi

Ugo Marchesan

Alceo Angeli 1981

Corso del Popolo

dentro al comune

1984 – 1986 Italo Fantin Remigio Rossi Alceo Angeli Corso del Popolo

dentro al comune

1987 – 1989 Italo Fantin Remigio Rossi Alceo Angeli Corso del Popolo

dentro al comune

1990 – 1992 Italo Fantin Remigio Rossi Cristian Cecchetto Corso del Popolo

dentro al comune

1993 – 1995 Italo Fantin Remigio Rossi Cristian Cecchetto Corso del Popolo

dentro al comune

1996 – 1998 Italo Fantin Remigio Rossi Cristian Cecchetto Corso del Popolo

dentro al comune

1999 – 2001 Cristian Cecchetto Remigio Rossi

Italo Fantin

Alessia Angeli

Daniele Aggio

2001

Corso del Popolo

sopra il barbiere

2003 – 2005 Cristian Cecchetto Daniele Aggio

Bianco Deni

Alessia Angeli

Francesca Piccotto

2004

Piazza Libertà

accanto all’edicola

2005 – 2008 Cristian Cecchetto Bianco Deni

Valtiero Vizzon

Alessia Angeli

Daniele Aggio

2005

Piazza Galasso

accanto all’ASL

2009 – 2012 Cristian Cecchetto Bianco Deni

Fabrizio Diana

Alessia Angeli Daniele Aggio Piazza Galasso

accanto all’ASL

2013 – 2016 Daniele Aggio Bianco Deni

Fabrizio Diana

Cristina Cassan

Isabella Badain

Piazza Galasso

accanto all’ASL